sabato 8 marzo 2008

DONNA

Non eri grande,
quando ai piedi di una croce
piangevi la morte di tuo figlio;


Non era soave la tua voce
Quando sulle sponde del fiume
Cantavi la tua ninna nanna;


Non eri fiera quando, come un guerriero,
imprigionata nella tua volgarità, marciavi
per le strade e pensavi di essere libera;


Come hai potuto credere che poche carezze
Riscaldassero il tuo cuore,quando
vestita da fata turchina
hai venduto ai primi passanti
la tua dignità;
eri forse sola principessa,
quando il tuo regno brillava
come la stella polare e i fanciulli
al tuo passare lanciavano petali di rosa;


Non sei tu la più dolce,
quando stanca siedi al sole
e una mano accarezza
i tuoi capelli bianchi.


Elvira Ruggiero

Nessun commento: