giovedì 14 febbraio 2008

Ammanetterò la tua anima

Ammanetterò
la mia anima ai tuoi occhi
come fosse colpevole di un reato
stretta da far male ai polsi
stringerò
fino a farle piangere sangue.
La sua prigionia non sarà castigo
ma dono dal sapore divino.
La imprigionerò tra le mura del tuo corpo,
solo lì sarà al sicuro.
Le chiederanno poi quali sono le tue colpe?
risponderà gridando il tuo nome.

Marco Basile
marcotuner@libero.it

Nessun commento: