mercoledì 31 ottobre 2007

HALLOWEEN

Halloween  deriva dalla frase ALL HALLOWS EVE cioè la notte di ognissanti che si festeggia il 31 ottobre. Tale data anticamente coincideva con la fine dell'estate. I colori di Halloween si rifanno a questa ricorrenza: l'arancio richiama il colore del grano mietuto ed il nero ricorda il buio dell'inverno. 
La festa di Halloween venne portata negli USA intorno al 1840 dagli emigranti irlandesi che fuggivano dalla carestia di patate che aveva colpito la loro patria,da allora Halloween è rimasta ancorata nella cultura americana ed è una delle più famose feste del paese.
In epoca vittoriana furono gli strati più elevati della società ad impadronirsi della festa: era di moda, in America, organizzare feste, soprattutto a scopo benefico, la notte del 31 ottobre. Era necessario eliminare i collegamenti con la morte ed amplificare i giochi e la parte scherzosa della festa.
Nel 1910 le fabbriche americane producevano tutta una serie di prodotti legati unicamente a questa festa. Prende in questo periodo la connotazione di “notte degli scherzi” o “notte del diavolo”, durante la quale ci si abbandonava ad atti di vandalismo, fino al punto da ritenere opportuno l’annullamento della festività. Con la seconda guerra mondiale si fece leva sul patriottismo americano e la festa servì a tenere alto il morale delle truppe ed il vandalismo degli scherzi di peggiore specie venne eliminato.
Terminato il conflitto mondiale i bambini s’ impossessarono della festa, anche grazie alle aziende, che dedicarono a loro tutta una serie di costumi, dolci e gadget trasformando la festa in un affare commerciale. Alimentarono l'affare con storie di lamette nei dolci e avvelenamenti di caramelle fatte in casa, inducendo gli americani a volgersi verso dolci preconfezionati.
È usanza ad Halloween intagliare zucche con volti minacciosi e porvi una candela accesa all'interno, quest’ usanza nasce dall’ idea che i defunti vaghino per la terra con dei fuochi in mano e cerchino di portare via con sé i vivi (in realtà questi fuochi sono i fuochi fatui, causati dalla materia in decomposizione sulle sponde delle paludi); è bene quindi che i vivi si muniscano di una faccia orripilante con un lume dentro per ingannare i morti. Questa usanza fa riferimento anche alle streghe che nei tempi più remoti venivano bruciate sui roghi o impiccate,infatti oggi si pensa che queste vaghino nell'oscurità della notte per rivendicare la loro morte(conciate in maniera orrenda o meno)e ne approfittano per usare il loro potere ad Halloween dove quest’ ultimo aumenta in misura maggiore rispetto alla loro "normale" paranormalità.
Oggi sono i bambini ad andare di casa in casa a chiedere qualche caramello o dolcetto. I proprietari delle case preparano dolci, biscotti, caramelle, torte monetini e piccoli regali da donare ai bambini mascherati. I bambini suonano alle porte e reciatno la famosa frase: "trick-or-treat" ? Cioè offrite qualcosa (treat) o vi facciamo uno scherzetto (trick) e da qui la famosa frase “dolcetto o scherzetto”? 


Caruso Valentina
Piccolavale86@libero.it

8 commenti:

Barbara ha detto...

Mi dispiace ma non sono d'accordo con quello che scrivi, la festa di Halloween nasce in INGHILTERRA e non negli USA come hai scritto.
Questa festa non è nostra,anzi non ci appartiene, le nostre tradizioni sono ben altre forse che tu sconosci. Sono una giornalista e collaboro con un giornale, mi dispiace ho letto alcuni articoli che sono privi di senso e copiati male. Mi auguro che nessuno legga questi articoli....

Anonimo ha detto...

io invece credo che il blog sia molto bello,forse alcuni articoli presentano imperfezioni ma penso che non bisogna dire certe cose
anonima 86

Caruso Valentina ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Caruso Valentina ha detto...

le critiche servono a rendere il mio lavoro migliore...

barbara ha detto...

Le critiche servono, ma non per un blog fatto da una ragazzina. Se vuoi quando prima ti posso mettere al corente di una seria testa giornalistica, che sta mettendo sù un mio amico, io collaboro con lui. Ciao...

Caruso Valentina ha detto...

a me piace ed è questo l'importante...mi auguro ke il tuo lavoro lo faccia bene non preoccuparti per il mio blog, anzi se mandi qualke articolo con reali significati e copiati meglio ti ringrazio...

Anonimo ha detto...

non dobbiamo suscitare un dibattito così acceso,ma confrontarci,non litigare
anonima 86

barbara ha detto...

Mi dispiasce ma io non posso inviarti nessun articolo per contratto visto che lavoro in una testata giornalistica. Vedo cche anonima 86 è una persona abbastanza intelleginte. Guarda se vuoi in futuro puoi collabore con me, il mio ragazzo sta aprendo un giornale. Ciaooooo