venerdì 1 giugno 2007

IL TAEKWONDO

(Arte dei calci e dei pugni) è un'arte marziale coreana basata principalmente sull'uso delle gambe, il cui nome significa "arte di tirare calci in volo e colpire di pugno".

La Storia


Nel VI secolo la Corea era divisa in tre stati: Silla, Koguryo e Paekche. Il regno di Silla era minacciato dai guerrieri Koguryo, e Re Chingchung sapeva che il suo esercito non sarebbe stato in grado di affrontare l'invasione. Il re si rivolge allora al monaco buddista Won Kwang Bopsa, che istituisce in breve tempo un ordine di guerrieri chiamato Hwarang ("fior della gioventù"). A questi guerrieri, scelti tra i giovani nobili del regno, viene insegnato un sistema di combattimento chiamato Taekkyeon ("combattimento con le gambe"). I membri del Hwarang sono educati secondo i principi della filosofia buddhista e seguono un codice d'onore i cui cinque punti fondamentali sono:
1. lealtà verso la patria
2. lealtà verso i propri genitori
3. fratellanza e fiducia reciproca tra i membri del Hwarang
4. coraggio: mai ritirarsi di fronte al nemico
5. senso di giustizia: mai sacrificare una vita senza una valida ragione
Grazie ai guerrieri del Hwarang, la dinastia Silla riesce a difendersi dall'attacco degli invasori e successivamente i tre regni verranno unificati. L'arte del Taekkyeon continuerà ad essere praticata dai militari coreani.
La nascita del Taekwondo
Parallelamente a queste crisi politico-sociali avviene una crisi delle arti marziali: si sono sviluppati infatti molti stili differenti che hanno subito pesantemente l'influenza giapponese.
Ed è in questi anni che il grande maestro Choi Hong Hi fonda il Taekwond-do. Nel 1955 viene indetta un'assemblea, con l'intenzione di riunire i diversi stili nati dall'operato del generale Choi: lo stesso generale propone il nome Taekwondo, che viene adottato ufficialmente nel 1958.
Nel 1966, in seguito a un viaggio di promozione del Taekwondo in Nord Corea, il generale Choi cade in disgrazia con il governo della Corea del Sud. Di conseguenza egli fonda l'ITF (International Taekwon-Do Federation), un'organizzazione privata e indipendente. Nel 1973 in Corea del Sud viene costituita la WTF (World Taekwondo Federation).
In Italia: la federazione 'ITF (International Taekwon-Do Federation) è rappresentata dalla FITAE, mentre la federazione WTF (World Taekwondo Federation) è rappresentata dalla FITA
I principi del Taekwondo
La filosofia del Taekwondo ha come fondamento l'etica, la morale, le norme spirituali attraverso le quali gli uomini possano convivere armoniosamente insieme. Le parole stesse del generale Choi (il fondatore) ci aiutano a capire meglio: "spero sinceramente che attraverso il Taekwondo ogni uomo possa acquistare la forza sufficiente per arrivare ad essere il guardiano della giustizia, opponendosi ai conflitti sociali e coltivando lo spirito umano al livello più alto possibile. È con questo spirito che mi sono dedicato all'arte del Taekwondo per tutti i popoli del mondo". Il generale Choi stabilì la filosofia e i seguenti principi come le basi del Taekwondo e tutti gli studenti seri di quest'arte li dovrebbero osservare e rispettare attraverso il loro cammino sia nell'arte che nella vita.


Caruso Giuseppe
wambaleroe@libero.it

Copyraight by Wikipedia
www.wikipedia.it

Nessun commento: